Cronache da Vinitaly – Si scrive aglianico, si legge vulcanico: la mini verticale di Camerlengo

Tornare al Vinitaly a distanza di 5 anni è stata un’esperienza emozionante.  L’accresciuta comprensione del mondo del vino e un bagaglio di esperienze di degustazione decisamente più cospicuo alle spalle hanno reso la rassegna veronese oltremodo piacevole, anche se come era facile immaginare non ho avuto l’opportunità di esaudire ogni mio desiderio. Gironzolare per gli stand della fiera scaligera in compagnia di mia sorella, ormai sempre più wine addicted come il sottoscritto, mi ha dato l’opportunità non solo di fare nuove e interessanti conoscenze, ma soprattutto quella di passare a salutare qualche faccia amica come quella di Antonio Cascarano, il vulcanico produttore lucano dell’Azienda Agricola Camerlengo, già incrociato in quel di Roma nella prima tappa testaccina di V.A.N. (Vignaioli Artigiani Naturali).

Dopo aver avuto l’opportunità di assaggiare i suoi straordinari vini non potevo esimermi dal far conoscere la sua produzione a mia sorella e così fra le tante giravolte della giornata abbiamo trovato il tempo per fare un salto all’affollatissima area VivitLa sosta allo stand di Antonio Cascarano ha consentito a mia sorella di fare la conoscenza con un personaggio al quale nemmeno con uno sforzo intellettuale sovrumano potreste appiccicare addosso un’etichetta, e ovviamente di assaggiare per la prima volta l’Accamilla, e poi l’Antelio e il Camerlengo, le due straordinarie versioni di Aglianico del Vulture prodotte dall’architetto-vignaiolo di Rapolla. Con il Camerlengo è stato addirittura possibile cimentarsi in una mini verticale di tre annate (2009, 2008 e 2007) tutte estremamente godibili e tutte in grado di restituire nel bicchiere la complessità del terroir del Vulture e la sua matrice vulcanica.

Camerlengo 2009 – Aglianico del Vulture Doc  –  88/100 – Rosso rubino intenso con riflessi violacei. Naso elegante connotato da sentori di viola e marasca in evidenza su uno sfondo di note tostate di vaniglia, tabacco e cacao accompagnate da un ricordo ematico e un tocco balsamico.  In bocca è morbido nonostante un tannino, vellutato e ben integrato, non nasconda affatto la propria natura irruente. Buona corrispondenza gusto-olfattiva con il frutto in evidenza e le note tostate a corredo di un sorso minerale con accenni ferrosi, quasi ematici e un finale lungo e persistente che ricorda la liquirizia.

Camerlengo 2008 – Aglianico del Vulture Doc  –  86/100 – Rosso rubino con sfumature porpora.  Al naso è intenso di confettura di ciliegie e frutti di bosco, poi un ricordo di rosa appassita e di violetta su uno sfondo elegantissimo di spezie dolci (chiodo di garofano e cannella), di note mentolate e di liquirizia e un finale che richiama la grafite. Al gusto spadroneggia tutta la maturità fruttata, sostenuta dal timbro alcolico caldo ed avvolgente, da una trama tannica fitta ma vellutata e da una spalla acida di rilievo. Finale moderatamente persistente di frutta rossa matura e liquirizia.

aglianico1

grappoli di aglianico

Camerlengo 2007 – Aglianico del Vulture Doc  –  91/100 – Rosso rubino tendente al granato. Naso intenso e decisamente complesso con note di amarena sotto spirito e confettura di prugne, violetta e rosa appassita, accenni di sottobosco, terra rossa e foglie di tabacco, ricordi di pepe bianco, cardamomo e noce moscata. Nel finale note accattivanti di liquirizia e mirto. Potente ed elegante, in bocca mostra una grande morbidezza con un tannino vellutato, perfettamente integrato ad una buona freschezza e una spiccata mineralità che ne fanno intuire ulteriori evoluzioni. Un sorso appagante con accenni confit e speziati e un finale lungo e persistente quasi salino con richiami balsamici e di liquirizia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...